Il Rotary Club Frosinone consegna 300 visiere protettive alla polizia penitenziaria

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?
Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [237.79 KB]

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?
Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [224.42 KB]

Proseguono i service di solidarietà del Rotary Club Frosinone in questa fase di perdurante emergenza sanitaria. Per venire incontro alle necessità degli operatori che, in queste settimane si stanno prodigando in varie strutture, il Club ha donato 300 visiere protettive destinate al personale di polizia penitenziaria e ai detenuti del carcere di Frosinone.
«Nel segno della solidarietà – afferma il presidente del Rotary Club Frosinone, Agostino Turturro – stiamo cercando di aiutare coloro che nelle varie realtà consentono, sia pur in condizioni difficili, di proseguire la vita ordinaria, non solo negli ospedali ma anche nelle carceri. Le persone private della loro libertà personale e tutto il personale che lavora nelle strutture carcerarie – prosegue il Presidente del Rotary – sono probabilmente le più vulnerabili all’epidemia rispetto alla popolazione a causa dell’ambiente confinato in cui vivono».
«In questo momento – conclude il Presidente – il compito dei Club Service Rotary non può che essere quello di reperire il materiale necessario a mettere in sicurezza tutto il personale impegnato in questa battaglia. Non possiamo ancora sapere quale strada prenderà questo virus, ma sappiamo, però, come Rotary di poter avere un ruolo importante per aiutare ad appiattire la curva dei contagi riducendo il numero dei casi nel breve termine permettendo, così, ai nostri sistemi sanitari di affrontare questo problema».
La consegna è avvenuta direttamente nelle mani della Direttrice della Casa Circondariale, Teresa Mascolo, della vice Direttrice Anna Del Villano, del Comandante del Reparto della Polizia Penitenziaria Rocco Elio Mare e del Vice Comandante del Reparto Luigi Zannini.
«In questo momento di emergenza che investe l’intero paese, se la tutela della salute dei cittadini ha finora dichiaratamente rappresentato il criterio guida delle scelte e dei provvedimenti finora adottati dal Governo, riteniamo che lo stesso criterio debba ugualmente orientare gli interventi da promuovere nell’ambito penitenziario, con prevalenza rispetto ad ogni altra ragione o interesse» afferma la Direttrice del carcere, Dr.ssa Mascolo. «Questa donazione da parte del Rotary Club di Frosinone agli operatori della Casa Circondariale testimonia che la solidarietà non conosce confini: è un gesto tanto nobile quanto utilissimo, perché consente ai poliziotti di lavorare con maggiore sicurezza, a tutela della salute di tutti, operatori e detenuti.
La Direzione della Casa Circondariale non può che esprimere sincera riconoscenza per questo atto che rappresenta – in modo tangibile – i valori della fratellanza e della solidarietà, ancor più importanti in un momento di emergenza e delicatezza del nostro Paese, laddove i beneficiari sono persone che lavorano quotidianamente e con abnegazione in un contesto non facile, in cui rappresentano l’estremo baluardo della legalità.
Ritengo che questa iniziativa dimostri, altresì, la vicinanza del Rotary al territorio, di cui il carcere fa parte, un contesto molto spesso disconosciuto o misconosciuto».